E. Schikaneder: Luciano Roman, attore
Sarastro gran sacerdote del Regno della Saggezza: Abramo Rosalen, basso
Papageno uccellatore: Eugenio Leggiadri, baritono
Tamino giovane principe: Mattia Pozzobon, tenore
Monostato carceriere di Pamina e servo di Sarastro: Yong Jin Park, baritono
Astrifiammante la Regina della notte: Delia Stabile, soprano
Pamina sua figlia, giovane amata da Tamino: Gina Ianni, soprano
Una vecchia (Papagena): Diana Mian, soprano
Prima dama: Martina Candido, soprano
Seconda dama: Maria Giovanna Michelini, soprano
Terza dama: Maria Pia Moriyon, contralto
Sacerdoti, schiavi, seguito: Corale Polifonica di Montereale Valcellina
Orchestra giovanile Filarmonici Friulani
direttore e arrangiamenti orchestrali: Maurizio Baldin
regia di Ferruccio Merisi e Isabella Comand
direttore di produzione: Gianni De Pol
segretaria di produzione: Emy Giacomello

produzione: Associazione culturale Corale Polifonica di Montereale Valcellina APS

VENERDI’ 10 DICEMBRE | Ore 21.00
Teatro Zancanaro di SACILE
Biglietti:
Intero €.  18,00
Ridotto €.  15,00
PREVENDITA dal 9 novembre in teatro nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 19.30; il giorno dello spettacolo dalle 15.00 (esclusi week end). Online su Vivaticket.
Informazioni & prenotazioni: info@teatrozancanaro.it

DOMENICA 12 DICEMBRE | Ore 18.00
Teatro L. Candoni di TOLMEZZO
Biglietti:
Posto unico € 15
Ridotto abbonati € 10
PREVENDITA Palazzo Frisacco, dal lunedì al venerdì 10.30 / 12.30 e 15.00 / 17.00. Chiuso il martedi.
In teatro, il giorno dello spettacolo dalle 17.00.
Informazioni & prenotazioni: Sportello del Cittadino 0433 487990 // Teatro Candoni 0433 41659 // Palazzo Frisacco 0433 41247 // candonifrisacco@gmail.com // cultura@com-tolmezzo.regione.fvg.it

Il flauto magico

Sulle ali della musica, il mondo fatato dei suoni e del canto fra archetipi e miti

Il Flauto Magico è una delle opere più note di Wolfgang Amadeus Mozart, composta nel 1791 su libretto di Emanuel Schikaneder. Fiorito nell’ultimo anno della vita del compositore salisburghese, al limite estremo della sua stagione creativa, solcato insieme da allusioni esoteriche e da candida ingenuità nella resa d’impulsi elementari, freschissimi, Il Flauto magico viene guardato per lo più ultimo ed arcano capolavoro, prodigo per la cultura tedesca di sfolgoranti modelli archetipici un po’ più ambiguo per noi latini cui sfugge non di rado il fascino del puro incanto fiabesco e l’intimo richiamo del soprannaturale. L’opera in sé era stata infatti scritta per deliziare chiunque l’ascoltasse, prendendo spunto da credenze e superstizioni del popolo austriaco. Mozart non aveva previsto la fama che avrebbe avuto, cosa che risollevò molto il suo morale. Quest’opera, quindi, si può considerare come il suo lascito spirituale. Era riuscito a mettere insieme elementi sacri in un capolavoro che è insieme opera buffa e drammatica.

Poiché è pratica diffusa ricollocare l’ambientazione dell’Opera Lirica in ambiti diversi da quelli d’origine e ricreare un mondo immaginario dove si contrappongono il Regno della Luna, tenebroso pervaso da superstizioni, ed il Regno del Sole, dove ragione e sapienza governano, è dunque possibile svolgere l’ambientazione in qualsiasi zona geografica del mondo ed i personaggi coinvolti possono a questo punto assumere le sembianze più disparate, e allora ci siamo chiesti perché non trasformare il Friuli Venezia Giulia, nostra amata Regione, nel luogo ove sviluppare l’azione scenica adottando le varie figure mitologiche medioevali che ancor oggi sopravvivono nell’immaginario collettivo delle nostre genti?

Monostato ed i suoi aiutanti, carcerieri di Pamina, potevano essere i Krampus i quali vengono controllati e dominati da San Nicolò che nell’opera originale corrisponderebbe a Sarastro. Allo stesso la sua antagonista, la Regina della Notte che assume le sembianze della Mari de Gnot, inquietante figura ultraterrena delle credenze popolari friulane servita da Lis Aganis, le tre dame che si occupano di rifocillare Papageno, che diventa Sior Anzoleto Postier, figura caratteristica del monfalconese, e non dissimile dal carattere del personaggio citato, singolare anche l’impiego dei Tre Genietti personificati nel nostro caso dagli Sbilfs, i folletti dei boschi.

L’opera, infine, si caratterizza per l’adattamento linguistico: oltre al tedesco, vengono utilizzati anche l’italiano, il friulano e il bisiacco.