Tag: Violino

“Un altro mare”: Piazzolla e Rosauro a Teatro Palamostre l’8 dicembre

STAGIONE 2019/2019 – Metamorphosis

Orchestra giovanile Filarmonici Friulani
Direttore: Alessio Venier
Violino: Christian Sebastianutto
Marimba: Francesco Tirelli

PROGRAMMA

A. Piazzolla, Cuatro estaciones porteñas

  1. Verano porteño
  2. Otoño porteño
  3. Invierno porteño
  4. Primavera porteña

***

N. Rosauro, Concerto n. 1 per marimba e archi

  1. Saudação
  2. Lamento
  3. Dança
  4. Despedida

Domenica 8 dicembre – Ore 21.00 – Teatro Palamostre di Udine

Il programma, snello e improntato all’immediatezza comunicativa, presenta due fulgidi esempi dell’uso nella musica classica della grande tradizione musicale popolare sudamericana. Le celebri Stagioni di Piazzolla, per violino e orchestra d’archi, dialogano costantemente con le analoghe di Vivaldi, mantenendo però la spiccata individualità del tango argentino. Il concerto di Ney Rosauro stupisce per l’uso di uno strumento insolito (la marimba) e per le atmosfere dei temi brasiliani utilizzati dal compositore, ora impregnati di malinconica saudade, ora trascinanti per la loro inesauribile verve ritmica. 

Biglietti

Intero 15€ / Ridotto* 10€

ABBONAMENTO 3 CONCERTI TEATRO PALAMOSTRE (L’Orchestra per Bach, Un altro mare, Suite Parisienne):
Intero 30€ / Ridotto* 25€

* Riduzioni per under 25, over 65, abbonati Teatro Contatto
Informazioni e prenotazioni > 0432 506925 e biglietteria@cssudine.it

Udine, Teatro Palamostre, piazzale Paolo Diacono 21
Orario: da lunedì a sabato ore 17.30 – 19.30

Biglietti in vendita anche online (circuito Vivaticket)

Luisa Pezzotti

luisa pezzottiLuisa Pezzotti, nata a Udine nel 1996, ha iniziato lo studio del violino all’età di nove anni sotto la guida del maestro Nicola Mansutti. Ha proseguito gli studi con il maestro Andrea Scaramella presso il conservatorio “J. Tomadini” di Udine, conseguendovi il diploma di vecchio ordinamento il 9 ottobre 2017.

Ha partecipato ad alcuni corsi di perfezionamento con Helfried Fister e Maria Caterina Carlini.

Ha collaborato e collabora con svariate orchestre del Friuli-Venezia Giulia, tra cui l’orchestra “Academia Symphonica”, l’orchestra dell’Associazione Musicale “AUDiMuS”, l’orchestra giovanile “San Giusto” di Trieste, l’orchestra d’archi “La Sinfonietta” nell’ambito dell’associazione “Amici della musica” di Udine, l’orchestra giovanile “Santa Cecilia” di Portogruaro, l’orchestra dell’Accademia Naonis di Pordenone e l’orchestra giovanile “Filarmonici Friulani”.

Nel 2017 è risultata idonea presso l’Orchestra Giovanile Bertolucci di Parma. Ricopre stabilmente il ruolo di concertino dei violini secondi nell’orchestra del Collegium Musicum Almae Matris (coro e orchestra dell’Università di Bologna), associazione all’interno della quale è stata eletta presidente il 13 giugno 2018 con mandato biennale. Nel 2018 ha iniziato a collaborare con l’ensemble barocco “La bottega del caffè” di Bologna e con la Bologna Youth Chamber Orchestra (BYCO), diretta da Carla Ferraro.

È attualmente iscritta al quarto anno presso la facoltà di giurisprudenza dell’Università di Bologna.

Christian Sebastianutto

christian sebastianutto violinoÈ nato in una famiglia di musicisti nel 1993 e ha intrapreso lo studio del violino all’età di 4 anni. Dopo aver conseguito il diploma di maturità scientifica, si è diplomato presso il Conservatorio “J. Tomadini” di Udine con il massimo dei voti, la lode e menzione speciale. Successivamente si è specializzato presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma con Sonig Tchakerian, diplomandosi con il massimo dei voti e la lode, e presso L’ Haute Ecole de Musiche de Lausanne HEMU – Conservatoire Superior de Musique de Lausanne nella classe di Pavel Vernikov ottenendo il Master in Concertismo.

Ha frequentato numerose Masterclass in Italia e all’estero con Ivry Gitlis, Giovanni Guglielmo, Massimo Quarta, Zakhar Bron, Mihaela Martin, Gerhard Schulz e Donald Weilerstein.

Nel 2014 e’ stato vincitore del 31° Concorso Nazionale Biennale di violino “Premio Città di Vittorio Veneto” col 3°premio (1° premio e 2° premio non assegnati) e nel 2016 ha vinto il 3º premio al Concorso violinistico internazionale “Andrea Postacchini” di Fermo.

Ha tenuto concerti come solista e musicista da camera in tutta Italia e in Slovenia, Croazia, Austria, Germania, Spagna, Svizzera, Francia, Svezia, Albania, Turchia e Cile.

Si è esibito come solista con numerose orchestre quali: Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra Nazionale Ucraina di Donetsk, Orchestra dell’ Accademia d’archi Arrigoni, Orchestra dell’ Accademia Naonis di Pordenone, Orchestra “Ferruccio Busoni” di Trieste, Interpreti Veneziani, Orchestra dell’ Università’ “Andres Bello” di Santiago de Chile, Orchestra Nuove Assonanze.

Ha inciso un CD con il concerto n.1 in re minore di Mendelssohn per l’etichetta Amadeus Rainbow ed ha inciso per la Rai di Trieste. Ad ottobre 2018 registrerá in prima mondiale il concerto n.2 per violino e orchestra di Alfredo D’Ambrosio.

Valentina Pacini

valentina pacini filarmonici friulaniValentina Pacini, classe 1995, ha cominciato lo studio del violino all’età di 7 anni sotto la guida del maestro Alberto Pollesel, per poi proseguirlo con il maestro Michele Lot e Massimo Belli.  Ha partecipato a numerosi corsi di perfezionamento e Masterclass con Lea Birringer, Pavel Vernikov,  Svetlana Makarova e Hu Kun. Ha suonato con molte orchestre tra cui: Orchestra dell’ Accademia Naonis di Pordenone, Orchestra Akroama e San Marco di Pordenone, Orchestra A. Benedetti Michelangeli di Conegliano, Orchestra Filarmonici Friulani, Orchestra San Giusto di Trieste, Orchestra Giovanile Trentina, Neue Sinfonie di Villach e Euro Symphony SFK di Klagenfurt. Ha preso parte a diverse tournée in Italia, Francia e Bielorussia, esibendosi anche come solista.
Dal 2011 fa parte dell’Orchestra dell’Accademia d’Archi Arrigoni di San Vito al Tagliamento diretta dal maestro Domenico Mason, con la quale ha tenuto numerosi concerti in varie province italiane e non,  collaborando con artisti quali Enrico Bronzi, Luca Vignali, Leonora Armellini, Laura Bortolotto, Domenico Pierini, Simone Briatore e Natalia Gutmann. Ha preso parte alla registrazione, presso la Fazioli Concert Hall di Sacile, di due CD per l’etichetta Amadeus con musiche di Mendelssohn e inediti di Federigo Fiorillo e un CD sulla Suite per trio Jazz e orchestra d’archi di Giovanni Mazzarino.

Dal 2016 si esibisce in duo con Stefano Cascioli.

Suona un Loeiz Honoré del 2007.

Aleš Lavrenčič

Ales Lavrencic violinoALEŠ LAVRENČIČ (1998) di Doberdò del Lago. Iniziò a curiosare sulle corde del violino all’ età di quattro anni, assistito dal suo primo insegnante Peter Gus. Seguirono alcuni anni di studio nella scuola CSEM E. Komel di Gorizia sotto la guida del prof. Frančišek Tavčar, in seguito nella classe del prof. Jurij Križnič con il quale ha concluso gli studi preaccademici con il massimo dei voti. Partecipa inoltre ai corsi di perfezionamento sotto la guida del violinista russo Vasilij Meljnikov, docente all’ Accademia di Ljubljana, Helfried Fister, docente presso il conservatorio di Klagenfurt e Stefan Milenković, ora assistente del Maestro Itzhak Perlman. Ha seguito masterclass di musica da camera con il quartetto di Praga e con il maestro Marco Rizzi.

Incoraggianti sono stati i risultati raggiunti in diversi concorsi.: nel 2008 e nel 2011 1° premio assoluto al Concorso Internazionale SPINCICH di Trieste, nel 2009 e nel 2012 targa d’ oro al concorso regionale sloveno e d’ argento a quello nazionale TEMSIG. Al concorso internazionale di Giovani Musicisti a Povoletto nel 2011 ottiene il 1°premio assoluto, nel 2015 2° classificato. Anche al 1.Concorso nazionale, che si è svolto a Palmanova nel maggio 2013 si classifica al primo posto tra 750 concorrenti con 100 punti e menzione speciale. Al concorso »Premio L. Caraian« che si è svolto al conservatorio Tartini di Trieste, ha ottenuto il secondo premio assoluto con borsa di studio.   

È membro dell’ Orchestra Nazionale dei Conservatori Italiani, collabora inoltre con varie formazioni orchestrali tra cui l’ Academia Symphonica di Udine (in ruolo di spalla), l’ orchestra della Glasbena Matica di Trieste, l’ orchestra Ars Atelier di Gorizia e l’ orchestra Filarmonici Friulani.

Attualmente frequenta l’ ultimo anno del triennio accademico al conservatorio Tomadini di Udine. Dopo il primo anno di studio con il Mº Stefano Furini è seguito ora dalla prof.essa Diana Mustea. Suona il violino »S. Peresson« del 1981 di proprietà del comune di Udine, assegnatogli a marzo 2016 come premio per il miglior violinista del conservatorio di Udine. É accompagnato al pianoforte dal padre Hilarij Lavrenčič, maestro collaboratore al teatro Verdi di Trieste.